• en

'
Adriano Giacobone
Adriano Giacobone
Adriano Giacobone
Adriano Giacobone

Adriano
Giacobone

Dal corso di Habitat Design al lavoro per la realizzazione delle nuove scenografie del programma televisivo Servizio Pubblico. Il passo che ha portato Adriano Giacobone dai banchi del Quasar al mondo lavorativo è stato davvero breve. Da sempre la creatività, nelle sue varie sfumature, ha caratterizzato l’approccio alla realtà di Adriano, che però matura la consapevolezza di quanto possa essere uno strumento utile anche a livello professionale solo nel momento della scelta post diploma. L’interesse per la progettazione ereditata dalla famiglia, le sue buone capacità nel disegno tecnico e artistico e la forte volontà di trovare una via d’espressione non solo verbale, ma anche visiva, lo spingono ad intraprendere gli studi in Architettura. Dopo brevi esperienze all’università, a Valle Giulia prima e a Roma 3 poi, Adriano Giacobone sente l’esigenza di continuare i propri studi in una realtà di livello accademico ma in grado di seguire più da vicino il suo percorso di apprendimento. Così nel 2011 sceglie Quasar Institute for Advanced Design.

“Il corso di Habitat Design è sicuramente stato un percorso molto interessante e altamente motivante,” così Adriano ricorda la sua esperienza formativa. “La possibilità di conoscere professionisti affermati nel settore, mi ha consentito di toccare con mano la realtà lavorativa, ma soprattutto mi ha aiutato l’impostazione della didattica, in cui alla necessaria teoria si affianca molta pratica”.

Subito dopo il diploma nel 2014 Adriano Giacobone supera le selezioni per uno stage che gli dà l’opportunità di lavorare alla realizzazione delle nuove scenografie del noto programma televisivo de LA7, Servizio Pubblico. In questa esperienza ha modo mettere in pratica le sue conoscenze sia sulla rappresentazione tecnica, attraverso i software AutoCAD, i modellatori tridimensionali e realizzando render, sia sul campo, seguendo l’avanzamento del cantiere.

“Posso dire che dopo esser stato selezionato come assistente dell’architetto scenografo per Servizio pubblico ho riscontrato una buona adattabilità anche a contesti nuovi come quello della scenografia, non direttamente trattate durante il mio percorso di studi. Ciò vuol dire che gli insegnamenti acquisiti hanno sviluppato in me quella duttilità oggi necessaria per competere nel mondo del lavoro”. Adriano racconta così questa esperienza che gli ha permesso di confrontarsi con realtà assai diverse da quelle a lui più familiari del design e dell’architettura. Gettando uno sguardo alle sfide professionali che lo attendono aggiunge: “Difficile fare previsioni per il mio futuro, ma ciò che so è che il giusto approccio è quello di confrontarsi in maniera interessata con realtà diverse, trarne spunti, restare aggiornati e, soprattutto, esser umili ma consapevoli delle proprie capacità”.

Questo è uno dei tanti esempi di neo diplomati Quasar che si inseriscono in tempi rapidi e in modo soddisfacente nel mondo del lavoro.

 

Scroll Inizio Pagina